★★★ THIS IS ELVIS ★★★: ottobre 2012

lunedì 29 ottobre 2012

Love Letters From Elvis



"Se ti ho aiutato e mi vuoi ringraziare, cerca qualcuno da aiutare e ricordati quello che io ho fatto per te"

Il Profeta - Kahlil Gibran


Uno dei libri preferiti di Elvis e anche da me sinceramente.

Il Profeta è un libro spirituale, semplice, nel quale trovi la risposta ai quesiti piu importanti della vita. Gibran riesce a farti riflettere e a far trovare dentro di te la risposta che cerchi. Ogni frase non va solo letta ma assaporata, ad ogni passaggio bisogna riflettere su quelle belle parole, e puoi veramente arrivare al cuore del tuo problema

Questo libro fu regalato a Elvis da June Juanico nel 1957. Si dice che nell' agosto del 1977 quel libro era sul suo comodino.... ed è sempre rimasto lì da allora .
Qui il link per leggere il libro

https://drive.google.com/file/d/0Bzn4SAEadOE9TklQX2tfTVg4Ums/view?usp=sharing


Qui sotto il link per scaricare il pdf
http://www.academia.edu/5843658/Il_Profeta


e qui uno dei passaggi più belli di questo libro. dove Gibran ci parla dell'amicizia


AMICIZIA

 E un adolescente disse: Parlaci dell'Amicizia. E lui rispose dicendo:
Il vostro amico è il vostro bisogno saziato.
E' il campo che seminate con amore e mietete con riconoscenza.
E' la vostra mensa e il vostro focolare.
Poiché, affamati, vi rifugiate in lui e lo ricercate per la vostra pace.
Quando l'amico vi confida il suo pensiero, non negategli la vostra approvazione, né abbiate paura di contraddirlo.
E quando tace, il vostro cuore non smetta di ascoltare il suo cuore:
Nell'amicizia ogni pensiero, ogni desiderio, ogni attesa nasce in silenzio e viene condiviso con inesprimibile gioia.
Quando vi separate dall'amico non rattristatevi:
La sua assenza può chiarirvi ciò che in lui più amate, come allo scalatore la montagna è più chiara della pianura.
E non vi sia nell'amicizia altro scopo che l'approfondimento dello spirito.
Poiché l'amore che non cerca in tutti i modi lo schiudersi del proprio mistero non è amore, ma una rete lanciata in avanti e che afferra solo ciò che è vano.
E il meglio di voi sia per l'amico vostro. Se lui dovrà conoscere il riflusso della vostra marea, fate che ne conosca anche la piena.
Quale amico è il vostro, per cercarlo nelle ore di morte?
Cercatelo sempre nelle ore di vita. Poiché lui può colmare ogni vostro bisogno, ma non il vostro vuoto.
E condividete i piaceri sorridendo nella dolcezza dell'amicizia.
Poiché nella rugiada delle piccole cose il cuore ritrova il suo mattino e si ristora

http://www.verbumweb.net/ebooks/Gibran_Il_Profeta.pdf

venerdì 26 ottobre 2012

Little Darlin'



Little Darlin'
Words & Music: Maurice Williams
 Recorded: 1977/04/24, first released on "Moody Blue"
Traduzione Vali/g52


*************************************************



“Little Darlin'” - incisa da Elvis Presley domenica 24 Aprile 1977
Scritta da: Williams
Originariamente incisa da The Gladiolas nel 1956
Versione originale di Elvis Presley su: Moody Blue



Lo scrittore Maurice Williams era il leader de The Gladiolas. Ernie Young incise la versione dei Gladiolas dopo aver chiesto il loro permesso a cantare la loro peggiore canzone. Sembra che a Elvis Presley la canzone piacesse molto: non solo la cantava nei concerti, quando, aveva voglia di divertirsi e la faceva parlando con termini chiari, ma la cantava anche a casa ed esistono parecchie registrazioni informali, di cui le prime risalgono al 1958.



http://users.telenet.be/davidneale/e...als/index.html


(aggiornato al 2008)


giovedì 25 ottobre 2012

Credi Nella Magia?




La sua celestiale voce,
guida la folla al delirio.
Senza dimenticare il pubblico,
chiude gli occhi.
La musica suona mentre
egli entra nelle loro anime,
creando un momento unico
con la loro esistenza.
Continua a cantare
e forse la sua magia
toccherà il mondo,
niente la può fermare.
il mondo è pieno del
suono della sua musica,
tutto sta andando bene.
La magia scorre attraverso l'aria.


Ivan 

lunedì 22 ottobre 2012

Steamroller Blues


Steamroller Blues
Words & Music: James Taylor 
Recorded: 1973/01/14, first released on "Aloha from Hawaii"
Traduzione di Vali/g52

*********************************************


”Steamroller Blues” - incisa da Elvis Presley domenica 14 Gennaio 1973
Scritta da: Taylor
Originariamente incisa da James Taylor nel 1970
Versione originale di Elvis Presley su: Aloha From Hawaii Via Satellite; Walk A Mile In My Shoes—The Essential 70's Masters Disc 2

La versione di James Taylor si chiamava, semplicemente "Steamroller."

giovedì 18 ottobre 2012

Le stelle di Elvis




Riflessioni sul Tema Natale di Elvis

Fin da ragazzina, dall’età di tredici anni, sono sempre stata attratta dall’astrologia, ero curiosissima di capire il perché dell’esistenza di questa scienza occulta, a scuola mi avevano insegnato che anche i re Magi studiavano le stelle e questo è bastato per fidarmi del loro linguaggio. Il linguaggio delle stelle: Astro-logos appunto. All’epoca non riuscivo a capire il significato dell’Ascendente e come si faceva a stabilirlo, poi qualcuno mi disse che il mio era dello Scorpione e mi piacque molto la combinazione Sagittario – Scorpione, allora non ci capivo granché, ma da quel momento ebbe inizio la mia prima grande passione.
Negli anni a seguire la famiglia, la nascita di mio figlio e tutto il resto non mi hanno per-messo di approfondire l’argomento, ma un giorno mi decisi, entrai in una libreria e feci il primo di una serie innumerevole di acquisti di libri sull’argomento e iniziai il mio cammino da autodidatta …tra le stelle.
Qualche anno dopo seguii anche un corso che durò due anni e mi vide impegnata allo studio del mio Tema Natale.
Solitamente l’astrologia non è considerata cosa seria, questo grazie a tutti quei maghi, fattucchieri e cartomanti, che hanno fatto di questa scienza un modo per sfruttare gente che era costretta ad affrontare un problema, una scelta importante o semplicemente voleva sapere se avrebbe trovato o no lavoro o l’uomo o la donna della sua vita, si rivolgevano a questi personaggi che altro non facevano che spillare denaro e denaro…
La mia visione personale su questo argomento invece è più seria ed è fondata sulla convinzione che ognuno di noi racchiude in sé un Universo meraviglioso di potenzialità, attitudini, debolezze e virtù di cui spesso veniamo a conoscenza in età matura; fare vera Astrologia richiede serietà e rispetto, profondo rispetto per quel foglio pieno di simboli indecifrabili per i più, ma che racchiude in esso i segreti dell’anima della persona alla quale appartiene.
Da tempo volevo affrontare questo argomento e sapevo che anche Elvis ne era attratto, ma non so ancora fino a che punto lo fosse veramente e se avesse o meno studiato lui stesso il suo tema natale. Vorrei provarci io, anche se non è cosa facile parlare del suo carattere e delle sue attitudini a chi, Elvis, lo conosce perfettamente.
Potrei parlarvi del segno del Capricorno e dirvi che il suo simbolo è l’animale mezza capra e mezzo pesce raffigurato mentre scala una montagna; dirvi che generalmente ha una forza, una capacità di sopportazione immensa e una pazienza e tenacia infinita.Potrei parlavi del suo Ascendente, che determina l’atteggiamento verso gli altri, il comportamento e l’aspetto fisico: il Sagittario che gli ha donato quell'adorabile faccia da schiaffi e l’allegria, la spensieratezza e la voglia continua di giocare di fare scherzi e dar modo di pensare che non prendesse niente sul serio.Ci sarebbe anche da raccontare di quel bel Marte in Bilancia che spicca tutto solo nel settore dell’indipendenza e della carriera a suggerire la sua determinazione ad arrivare dove è arrivato senza prevaricazione o arroganza sugli altri.
Mi piacerebbe raccontarvi invece di quella triste Luna nel segno dei Pesci, nel settore che parla del proprio intimo e delle proprie radici. Parla dei luoghi dove trovi la pace interiore, quasi a ricordarti il grembo materno: la luna simboleggia la madre, la moglie e nel tema di Elvis è congiunta a Saturno il pianeta delle rinunce, dell’isolamento dagli altri, del distacco e della sopportazione.
Dovrei scrivere pagine e pagine per spiegare questa combinazione, che a mio avviso racchiude in sé l’essenza del Tema Astrologico; già il fatto di avere una Luna in Pesci significa avere un'indole molto nostalgica e malinconica, significa avere un gran bisogno di farsi cullare da braccia amorevoli e materne, può significare anche la tendenza a sfuggire la realtà e il rifugiarsi in castelli dorati, magari con l’aiuto di medicine o sostanze che ti portano a fare bei sogni, o semplicemente che nella musica puoi trovare quei luoghi che ti fanno riposare l’anima e ti rassicurano.
Vorrei anche descrivervi quel bellissimo Nettuno nel settore dei viaggi e delle esplorazioni, non nel senso pratico della parola, ma nel suo significato più profondo: la ricerca dei nostri ideali, del nostro Credo; la ricerca del nostro Dio e di quella Verità che risponde alla domanda "Da dove vengo? Che cosa sono chiamato a fare per me stesso e per gli altri?
Nettuno influenza il segno dei Pesci; le caratteristiche di questo pianeta prevalgono su quel segno. Non a caso vi parlavo della Luna in Pesci di Elvis; non a caso Nettuno è il pianeta della musica, degli artisti, dei paradisi artificiali, della religione e della spiritualità e del sacrificio e da qui si capisce come il nostro Re sia stato un profondo Nettuniano E Nettuno, il pianeta che trasforma, che fa sì che tutto ciò che è materiale si dissolva per lasciar posto allo spirito interiore, ai sogni e alle sensazioni. Fa sì che si ci possa perdere nelle illusioni che si veda qualcosa che non esiste perchè nella realtà è diverso, che si venga ingannati dalla propria mente.
Un altro aspetto importante e, se vogliamo, “pesante”, nel tema è l’opposizione di Plutone a Sole, Mercurio e Venere di Elvis; questi ultimi tre sono i pianeti vitali, rappresentano rispettivamente il cuore, la mente e la voglia di vivere, mentre Plutone rappresenta il potere, il denaro, il controllo assoluto su tutto, ma rappresenta anche la morte e la rinascita. Decifrare tutto questo potrebbe essere scontato, conoscendo la storia di Elvis, ma mi sento di dire che è un "aspetto" che quando è presente nel nostro cielo natale difficilmente possiamo “controllare” o “guidare” a nostro piacimento perchè il Dio degli Inferi è inflessibile, imbattibile, e implacabile. Non puoi combattere contro chi è infinitamente più forte di te, non puoi nemmeno fartelo amico perché prima o poi ti tradirà e ti lascerà da solo a rialzarti da terra rimboccarti le maniche e ricominciare daccapo, se ce la fai altrimenti dovrai scendere negli inferi, sprofondare nei meandri della tua anima.
Puoi solo scendere a compromessi con lui, accettare tuo malgrado il suo volere, piegarti o farti spezzare per farti toccare il fondo della tua anima, per poi risorgere come l’Araba Fenice.






  
  

mercoledì 17 ottobre 2012

Thrill Of Your Love


Thrill of Your Love
Words & Music: Stanley Kesler 
Recorded: 1960/04/03, first released on "Elvis Is Back"
Traduzione testi di Vali/g52

******************************************



"Thrill Of Your Love" - incisa da Elvis Presley lunedì 4 Aprile 1960
Scritta da: Kesler
Originariamente incisa da Carl McVoy nel 1958
Versione originale di Elvis Presley su: Elvis Presley is Back!; The Essential 60's Masters 1, CD1

Stan Kesler scrisse 5 canzoni che sono state interpretate da Elvis Presley: "I'm Right, You're Left, She's Gone," "I Forgot To Remember To Forget," "If I'm A Fool For Loving You," "Playing For Keeps" e questo gospel "Thrill Of Your Love." Carl McVoy era il cugino più vecchio di Jerry Lee Lewis e sembra sia stato lui a dare le prime lezioni di piano a Jerry! La sua versione del 1958 di "Thrill Of Your Love" era chiamata "A Woman's Love" e, al tempo, rimase inutilizzata, fino a che non apparve nelle compilations

(aggiornato al 2008)

domenica 14 ottobre 2012

Fairytale - Live

Fairytale - Elvis Presley (Live 77 - Sottotitolato) from vali.tere on Vimeo.
Fairytale
Words & Music: Anita Pointer/ Bonnie Pointer
Recorded: 1975/03/10, first released on "Today"
Traduzione di vali/g52

La musica



C'è una cosa che mi consola
e mi tiene compagnia
e non mi fa pensare a quello che mi manca veramente,
anche se è solo un palliativo
perché quello che mi manca non c’è più


e mai ritornerà...


E’ la musica…
con la musica il dolore prende  forma
e riesce a raccogliersi in una cosa sola
per poi uscire e librarsi nell'aria


e farmi riposare
ancora per un po’...




Elvis Sing The Lord


Elvis in The City


Elvis


Elvis….
ma che cosa aveva nella voce?
.....aveva l'anima?
….aveva il cuore?
come faceva a far uscire tutte quelle sfumature e tutte insieme?

Doveva avere un cuore talmente grande
e talmente colmo di amore….
…non poteva essere altrimenti
Se non le hai dentro tutte quelle cose
non puoi farle uscire
e non puoi nemmeno farle entrare
devi averle gia' di tuo

E lui le aveva,
tutte.
    Ce le ha lasciate in eredità
tanto tempo fa.
Vibra ancora e per sempre nell'aria,
non scompare mai questa magia,
perchè basta mettere una sua canzone
che ci entra nel cuore e
attraverso di noi ritorna
a vibrare tutto l'amore
che c'era dentro di lui
e non muore mai….
    Perché l'amore
    non muore mai.







venerdì 12 ottobre 2012

My Dreams



Lui è Elvis....scusate se è poco!





Lui è Elvis....scusate se è poco!

Video realizzato per lo spettacolo teatrale
in scena al Teatro Canovaccio di Catania
Voce Narrante di Carmela Buffa Carreo
Consulenza biografica di Valeria Giannotta 

giovedì 11 ottobre 2012

mercoledì 10 ottobre 2012

Elvis By The Presley's (Ita)

Links  al documentario realizzato da Priscilla Presley intitolato Elvis By The Presley's". (con audio in Italiano)
Parte 2: non visibile

Stranger In My Own Home Town


Stranger in My Own Home Town
Words & Music: Percy Mayfield 
Recorded: 1969/02/17, first released on 
"Back in Memphis (From Memphis to Vegas)"
Traduzione di Vali/g52

********************************************



“Stranger In My Own Home Town” - incisa da Elvis Presley lunedì 17 Febbraio 1969
Scritta da: Mayfield
Originariamente incisa da Percy Mayfield nel 1963
Versione originale di Elvis Presley su: Back In Memphis; From Nashville to Memphis (4)

Percy Mayfield nacque nel 1920. Nel 1950, ottenne un grande successo in US con “Please Send Me Someone To Love”. Probabilmente è più conosciuto come compositore del bestseller internazionale di Ray Charles, “Hit The Road Jack”. Mayfield morì 1984.


http://users.telenet.be/davidneale/e...als/index.html
(aggiornato al 2008)




La Memphis Mafia



Documentario in quattro parti con interviste e testimonianze dell’entourage di Elvis

domenica 7 ottobre 2012

Da leggere!

Nella pagina "Approfondimenti" potrete leggere bellissime recensioni su Elvis scritte da autorevoli fan del Re.
...entrate dai....fatevi un giretto!

If You Love Me, Let Me Know



If You Love Me (Let Me Know)
Words & Music: John Rostill
Recorded: 1977/04/25, first released on "Moody Blue"
Traduzione di vali/g52

************************************************



“If You Love Me (Let Me Know)” - incisa da Elvis Presley venerdì 6 Giugno 1975
Scritta da: Rostill
Originariamente incisa da Olivia Newton John nel 1974

Versione originale di Elvis Presley su: Elvis Presley In Concert; Moody Blue

John Rostill fu il primo membro del famoso gruppo di chitarristi: The Shadows. Morì nel 1973, a 31 anni. Vedi anche Let Me Be There. Olivia Newton John è il giusto mix: nata in Inghilterra da padre gallese e madre tedesca, venne portata in Australia, quando aveva anni. Dopo essersi evidenziata come talento australiano, nel 1965, tornò in Inghilterra per cercare di crearsi una carriera d’artista. Dopo un inizio non molto propizio, finalmente arrivò il suo grande momento.








http://users.telenet.be/davidneale/e...als/index.html




(aggiornato al 2008)